Vai menu di sezione

Lo split payment si allarga a professionisti e partecipate

La conversione in legge del D.L. 50/2017 ha confermato, senza correzioni significative, le modifiche al perimetro soggettivo, sia attivo che passivo, dell’articolo 17 ter del D.P.R. 633/72, estendendone la portata, in particolare, alle società sottoposte a controllo degli enti pubblici statali e locali, dal lato dei cessionari e committenti, ed ai lavori autonomi o imprenditori soggetti alla ritenuta d’imposta o d’acconto sui redditi, dal lato del cedente o prestatori con decorrenza a partire dalle fatture emesse in data 01 luglio.

Pagina pubblicata Venerdì, 01 Settembre 2017

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto